Consigli sui lavaggi

LANA

La lana è la più diffusa ed importante fibra animale. Caratteristiche: elasticità, buona protezione termica e capacità di assorbimento dell’umidità.

  • Lavare in acqua tiepida a 30° e asciugare in acqua fredda e abbondante; candeggiare usando solo perborati e solo in caso di necessità, così non scoloriscono i tessuti;
  • Candeggiare usando solo perborati e solo in caso di necessità, così non scoloriscono i tessuti;
  • Arrotolare gli indumenti in un asciugamano per assorbire l’eccesso di acqua;
  • Stendere gli indumenti, per asciugarli, su un piano orizzontale;
  • Esporre all’ombra, lontano da fonti di calore;
  • Stirare l’indumento, mettendo un panno umido tra il ferro e la lana, a temperatura moderata;
  • Custodire gli indumenti puliti in un contenitore ben chiuso usando prodotti antitarmici (naftalina, canfora…).

SETA

La seta è l’unica fibra animale, prodotta da insetti, considerata sin dall’antichità sinonimo di lusso. Caratteristiche: termoisolante, leggera, elastica, flessibile e brillante.

  • E’ preferibile il lavaggio a secco (controllare le istruzioni sull’etichetta);
  • Per il lavaggio in casa usare acqua tiepida, non oltre i 30°, e sapone neutro;
  • Sciacquare molto bene in acqua tiepida e strizzare leggermente;
    stirare a temperatura molto bassa, interponendo un panno umido.

COTONE

Il cotone è la fibra tessile vegetale più diffusa al mondo, tratta dalla capsula di una pianta cespugliosa. Caratteristiche: fresca, leggera, elastica e resistente.

  • Rimuovere le macchie di grasso prima di fare il bucato ed eventualmente procedere con l’ammollo;
  • I tessuti di cotone stampato vanno lavati in lavatrice, alla temperatura massima di 30°;
  • È preferibile candeggiare solo i tessuti bianchi;
  • inumidire la biancheria prima di stirarla;
  • stirare con ferro molto caldo

LINO

Il lino è la più antica e pregiata fibra naturale, tratta dallo strato corticale di una pianta erbacea. Caratteristiche: fresca, morbida e resistente all’usura.

  • Rimuovere le macchie di grasso prima di fare il bucato ed eventualmente procedere con l’ammollo;
  • Usare il perborato di sodio per sbiancare il lino;
  • Si può lavare in lavatrice, ma evitando trattamenti troppo energetici;
  • Stirare a temperatura elevata, dopo averlo inumidito.

RAMIE

E’ una fibra vegetale ricavata, come la canapa, il lino e la juta, dal libro della pianta.
Caratteristiche: lucida, fresca, resistente e la sua robustezza aumenta con il passare del tempo.

  • Rimuovere le macchie di grasso prima di fare il bucato ed eventualmente procedere con l’ammollo;
    si può lavare in lavatrice, ma evitando trattamenti troppo energetici;
  • Stirare a temperatura elevata, dopo averlo inumidito.

CUPRO

Il cupro è un filo di origine naturale che nasce dalla purissima cellulosa dei linters del fiore di cotone. Caratteristiche: morbido e resistente dall’aspetto serico.

  • Leggere attentamente le istruzione sulle etichette: infatti alcuni tessuti di cupro si possono lavare a mano, in acqua tiepida senza strofinare, mentre altri devono essere lavati a secco perché, se bagnati, perdono la loro consistenza;
  • Stirare con ferro poco caldo

MODAL

Il modal è un derivato della viscosa. Caratteristiche: morbido e molto confortevole.

  • Leggere attentamente le istruzione sulle etichette: infatti alcuni tessuti di modal si possono lavare a mano, in acqua tiepida senza strofinare, mentre altri devono essere lavati a secco perché, se bagnati, perdono la loro consistenza;
  • Stirare con ferro poco caldo

ACETATO

L’acetato è un filo continuo che deriva dalla cellulosa.
Caratteristiche: morbido, delicato, dall’aspetto serico.

  • Lavare in acqua tiepida con detersivi neutri;
  • Lavare a secco quando indicato sull’etichetta;
    stirare a rovescio a temperatura bassa;
  • È consigliabile asciugare in piano evitando di strizzare il capo.

VISCOSA (RAYON)

La viscosa è una fibra cellulosica, denominata anche rayon. Caratteristiche: mano dolce, aspetto serico e buona resistenza all’usura.

  • Nel caso in cui il capo possa essere lavato a mano usare acqua appena tiepida, quasi fredda;
  • È consigliabile asciugare il capo appeso (salvo diverse indicazioni da etichetta)
    strizzando delicatamente. La maglieria deve essere asciugata in piano;
  • Stirare a temperatura media

POLIESTERE

Il poliestere è una fibra tessile ottenuta in laboratorio. Caratteristiche: elastica con elevata resistenza alla rottura.

  • Lavare in lavatrice o a mano, usando acqua tiepida;
  • È consigliabile stirare a temperatura media interponendo un panno (per evitare l’effetto lucido provocato dal ferro).

NYLON

Il nylon è la prima fibra sintetica. Caratteristiche: elevata elasticità.

  • Lavare normalmente a mano o in lavatrice, a bassa temperatura;
  • Appendere il capo senza strizzare.

ACRILICO

L’acrilico è una fibra sintetica. Caratteristiche: leggera, morbida, voluminosa e calda.

  • Lavare in lavatrice, a temperatura tiepida;
  • Lavare i capi più delicati a mano, strizzando delicatamente l’acqua in eccesso e asciugare appeso. La maglieria deve essere asciugata in piano;
  • È consigliabile stirare a temperatura medio bassa.
lavaggi
Articoli Recenti